Ultimi Posts

Categorie

Prossimi Eventi

I Ruggenti anni 20 e le Flapperettes

 

Il prossimo mercoledì la nostra serata sarà dedicata ai ruggenti anni 20, ecco cosa eran, chi erano le Flapperette e qual era la loro moda!  

Da Wikipedia, the free encyclopedia
 
 
Questo articolo riguarda le donne degli anni 20. 
Actress Louise Brooks (1927)
A flapper onboard ship (1929)

Flapper negli anni 20 era un termine che si rivolgeva as una nuova "razza" di giovani donne occidentali, che indossavano gonne corte, si tagliavano i capelli a caschetto, ascoltavano jazz ed ostentavano il loro sdegno per quello che veniva considerato il comportamento socialmente conveniente.  Le Flappers erano ritenute impudenti perchè indossavano un trucco eccessivo, bevevano, parlavano di sesso in maniera disinvolta, fumavano, guidavano auto e spesso si prendevano gioco delle norme sociale e sessuali.

Le Flappers nacquero nel periodo del Liberalismo, della turbolenza sociale e politica e diedero un grosso impulso allo scambio culturale tra America ed Europa che seguì la fine della Prima Guerra Mondiale., così come a far arrivare la cultura Jazz Americana in Europa.


Violet Rohmer in a flapper dress c. 1915

ETIMOLOGIA

La parola slang flapper, usata per descrivere una giovane donna, potrebbe venire dal gesto di un giovane uccello che sbatte le ali (flapper) nel tentativo di imparare a voalre. Tuttavia, potrebbe anche derivare da un vocabolo anticamente usato nell'Inghilterra Settentrionale per indicare una Tennager, in riferimento alle ragazzine che ancora non si raccolgono i capelli e con le punte girate all'indietro, sulla nuca; potrebbe anche venire da un termine ancora più antico, che significa prostituta. La parola slang flap  veniva usata per  definire le giovani prostitute fine dal 1631. Verso la fine del 19esimo secolo la parola flapper veniva utilizzata in Inghilterra sia per definire una giovane prostituta, ed in senso più generale, una vivace adolescente.

La parola apparve sui giornali nel Regno Unito sin dal 1903 e negli Stati Uniti a partire dal 1904, quando il romanziere Desmond Coke la usò nelle sue storie della vita del college di Oxford, Sandford of Merton: "C'è una flapper che fa girare la testa". Nel 1908. quoridiani seri come The Times usavano anche'essi il termine, sebbene lo facessero seguire da un'attenta spiegazione "una 'flapper', è una giovane fanciulla che ancora non può, per motivi di convenzione sociale, indossare abito lunghi e legarsi i capelli". Entro il novembre del 1910, la parola era popolare abbastanza perchè l'autore A.E.James cominciasse una serie di storie nella London Magazine, che raccontavano le disavventure di una gradevole quindicenne, il cui titolo era proprio 'Her Majesty the Flapper'. 

Clara Bow in 1921, before she became a star

Qualcuno ha avanzato l'ipotesi che il concetto di "flapper" solo come una fase della vita di alcune giovani donne in particolare, fu importato in Inghilterra dalla Germania, dove le flappers erano nate come reazione alle iper-nutrite e monumentali donne dell'epoca e come un compromesso tra le pratiche omonsessuali ed il sesso normale. In Germania le flappers venivano definite"backfisch",  che significa "giovane pesce non ancora grande abbastanza per essere venduto sul mercato". l concetto di 'backfisch' era noto in Inghilterra già alla fine degli anni 80 del 1800, anche se allora era inteso come un modello sociale più contegnoso rispetto a quello della Flapper Inglese degli anni successivi, che era tipicamente ribelle e provocatoria.

Nel 1912, l'impresario teatrale John Tiller, definendo la parola in un'intervista al New York Times, descrisse la 'flapper' come appartenente ad una sfera d'età più avanzata, una ragazza che è appena "fiorita". Sebbene il termine si riferisse sempre alle ragazzine con una grande voglia di vivere, gradualmente in Gran Bretagna fu esteso a descrivere qualsiasi donna immatura ed impetuosa. L'utilizzo del termine aumentò durante la Prima Guerra Mondiale, anche a causa dell'evidente emergenza di giovani donne che si trovarono ad entrare improvvisamente nel mondo del lavoro per prendere il posto degli uomini che, a causa della guerra, erano assenti: un articolo del Times che parla dei problemi incontrati dalle donne per trovare lavoro al ritorno degli uomini dalla guerra si initola"The Flapper's Future". Nel 1918, il termine ppoteva anche esser usato per definire, in maniera provocatoria, una donna più anziana "dedita al piacere".

Finalmente nel 1920, il termine aveva acquisito il significato che caratterizza lo stile ed il comportamento della generazione delle flapper. In una conferenza tenuta quell'anno in Gran Bretagna, sul sovrannumero di giovani donne, causato dalla morte di molti giovani in guerra il Dr. R. Murray-Leslie criticò "il tipo sociale di farfalla… la flapper frivola, impellicciata e pazza per il jazz, irresponsabile ed indisciplinata, per la quale un ballo, un cappello nuovo, o un uomo con una bella auto, avevano più importanza del futuro della nazione"

Evoluzione dell'immagine

Actress Alice Joyce, 1926

La prima apparizione della parola e dell'immagine negli Stati Uniti, si deve al popolarissimo film di Frances Marion del 1920 The Flapper, con Olive Thomas. La Thomas aveva rappresentato un ruolo simile nel 1917, ma il termine non venne mai usato, fino all'uscita di The Flapper . Nei suoi ultimi film, era ormai l'icona delle flapper. Altre attrici, come Clara BowLouise BrooksColleen Moore e Joan Crawford avrebbero presto costruito le loro carriere sulla stesa immagine, ottenendo una grande popolarità:

Negli Stati Uniti, il malcontento popolare per il Proibizionismo, fu un fattore determinante per l'ascesa delle flapper. Con i locali legali ed i cabaret chiusi, gli speakeasies (locali dove si vendeva illegalmente alcol) nei vicoli nascosti, divennero prolifici e popolari.  La discrepanza tra il "movimento della temperanza", osservante e con basi religiose e l'efffettivo ed onnipresente consumo di alcool, portò a sviluppare un disprezzo per l'autorità. L'indipendenza delle Flapper può anche avere origine dalle Gibson girls  degli anni 80 del 1800. Sebbene il look che precedeva la guerra, non assomigli allo stile delle Flappers, la loro indipendenza può aver condotto alla tenacità delle flapper di trent'anni dopo.

Scittori statunitensi come F. Scott Fitzgerald e Anita Loos ed illustratori comeRussell PattersonJohn Held Jr.Ethel Hays e Faith Burrows resero il look e lo stile di vita delle flappers popolare con i loro lavori, e le flappers cominciarono ad essere viste come attraenti, imprudenti ed indipendenti. Tra coloro che criticavano la follia Flapper, c'era la critica letteraria Dorothy Parker, who scrisse "Flappers: A Hate Song" per prendersi gioco di questa fissazione. Uno piscoloco di Harvard dichiarò che le Flappers avaveno il più basso quoziente intellettivo del mondo e che erano un problema senza soluzione per qualsiasi educatore.

Un altro utilizzo del termine alla fine degli anni 20, era un termine pubblicitario dei media che si riferiva alle donne adulte aventi diritto al voto ed a come avrebber poturo votare in maniera diversa dagli uomini della loro stessa età. Mentre il termine"flapper" aveva molteplici utilizzi, le flappers come gruppo sociale, erano totalmente distinte da tuttel le altre mode degli anni 20.

 

Comportamento

Billie Dove on the cover of The Flapper magazine ("Not for Old Fogies"), November 1922

Il comportamento delle Flappers era considerato bizzarro all'epoca, e ridefinì, certamente, i ruoli delle donne. L'immagine era quella di una giovane donna che, di notte, frequentava jazz clubs dove ballava in maniera provocatoria, fumava sigarette attraverso lunghi bocchini, e si fidanzava o flirtava liberamente, forse anche indiscriminatamente. Le Flappers andavano in bicicletta, guidavano le auto e bevevano alcool apertamente, un atto provocatorio e coraggioso allo stesso tempo, nel periodo americano del Proibizionismo. Baciarsi in pubblico e le effusioni pesanti divennero pratiche molto più poplari che nell'Età Vittoriana. I Petting Parties, dove le effusioni sessuali erano l'attrazione principale, erano popolarissimi.

Le Flappers cominciarono anche a lavorare fupri casa ed a sfidar i ruoli tradizionali delle donne nella società di allora. Sostenevano il voto ed i diritti delle donne. Con il tempo, si svilupparono anche degli stili di ballo allora considerati shoccanti, come il Charleston, lo Shimmy, il Bunny Hug, ed il Black Bottom.

Esse erano anche considerate una sfida ai ruoli imposti dall'era vittoriana, quali la devozione per una vita semplice ed il lavoro duro, per la religione e molto altro. Piano piano le donne si liberarono delle vecchie e rigide idee riguardanti i loro ruoli ed abbracciarono il consumismo ed il libero arbitrio, e spessao si diceva rappresentasseri una cultura di guerra del vecchio contro il nuovo. In questo modo, le flappers divennero il simbolo di un più ampio cambiamento a livello sociale — le donne ottennero il diritto al voto negli USA nel 1920 e la società religiosa fu soppiantata da quella delle opportunità.

Per tutta la preocupazione che avevano ad uscire dai vecchi ruoli, tuttavia, alcuni dicono che le flapper non fossero necessariamente impegnate in maniera particolare nella politica. Infatti, le vecchie suffragette, che combattevano per il diritto di voto alle donne, vedevano le flappers come insulse e, in qualche modo, non meritevoli della battaglia per cui loro lottavano tanto duramente. Altri invece sostenevano che l'atteggiamento "laissez-faire" delle Flappers fosse semplicemente un segno di progresso della liberazione femminile, poichè il diritto era già stato ottenuto. Dorothy Dunbar Bromley, una nota scrittrice liberale dell'epoca, riassunse questa dicotomia descrivendo le flappers come femministe "veramente moderne" e di "nuovo stile" che mentre "ammettono che una vita piena include sia il matrimonio che i figli" sono anche "mosse da un'irresistibile desiderio interiore di essere individui, con i propri diritti"

Slang

Le Flappers avevano il loro slang privato; usavano termini come "snuggle pup" (un uomo che frequenta petting parties) e "barney-mugging" (sesso). Il loro modo di parlare, spesso rifletteva i loro sentimenti e pensieri sul matrimonio e sulle abitudini riguardo al bere: "I have to see a man about a dog" spesso significava andare a comprare del whiskey, ed un  "handcuff" (manetta) o "manacle" era l'anello di fidanzamento o la fede matrimoniale. Indicative delle loro preoccupazioni primarie erano anche le frasi utilizzate per esprimere approvazione, come "That's so Jake", "That's the bee's knees," e la popolare "the cat's meow" or "cat's pyjamas". per indicare qualcosa che andava loro particolarmente a genio. Un giornale americano del 1922 cataloga le parole "junk", "necker", "heavy necker" e "necking parties" come slang contemporaneo delle flappers.

Molti termini ancora in uso nel moderno slang Inglese Americano provengono dallo slang delle flappers, come "big cheese", per definire una persona importante; "to bump off", che significa assassinare; and "baloney", che significa senza senso. Altri termini divennero definitivi dell'era del Poribizionismo, come "speakeasy", per indicare un luogo dove poter comprare e consumare alcool illegale e "hooch", che significa liquore.

Aspetto fisico

Actress Norma Talmadge, a prototypical flapper[citation needed]

Oltre al loro comportamento irriverente, le  flappers erano note per il loro stile, ampiamente ispirato alla moda francese, soprattutto quella di Coco Chanel, per l'effetto nella rapida ascesa e diffusione del Jazz Americano, e per aver reso and the popolare il ballo che lo accompagnava. Chiamato garçonne in Francese ("ragazzo" ma con un suffisso femminile), lo stile delle flapper faceva apparire le ragazze giovani e un po' mascoline: capelli corti, seni appiattiti in abiti stretti, vita larga, accentuavano questo aspetto. Entro il 1913,  l'associazione di idee tra l'adolescenza snella ed un certo look caratteristico, fu benchiara nella testa del pubblico. 

 

A quell'epoca, sembra che lo stile associato alla flapper comprendesse già un fisico mascolino, il cappello a cloche, ma la gonna a tubino anziche quella con l'orlo più corto.

Sebbene l'immagine che noi abbiamo oggi delle flappers (vita larga, capelli corti e orlo sopra il ginocchio9 non comparisse fino al 1926, ci fu una'associazione d'idee immediata e molto prematura nel pubblico tra l'apparenza non convenzionale, il comportamento oltraggioso e la parola"flapper"

Nonostante lo scandalo che generarono, il look delle flappers, il loro look, interpretato in una versione sotto-tono, divenned i moda tra le più vecchie e rispettabili signore. Principalmente, le flappers tolsero i bustini dalla moda femminile, accorciarono le gonne e gli orli degli abiti da sera, e resero popolari i capelli corti tra le signore. Tra le attrice che si identificavano moltissimo con questo stile ricordiamo Olive BordenOlive ThomasDorothy MackaillAlice WhiteBebe DanielsBillie DoveHelen KaneJoan CrawfordLeatrice JoyNorma ShearerLaura La PlanteNorma TalmadgeClara BowLouise Brooks, e Colleen Moore.

"Where there's smoke there's fire" by Russell Patterson, showing a fashionably dressed flapper in the 1920s.

Abbigliamento

 

I vestiti delle Flappers erano stretti e dritti, lasciavano le braccia nude (spesso non avevano spalline) ed avevano la vita bassa. Calze di seta o di viscosa, erano tenute su dai reggicalze. Le gonne si accorciarono appena sotto il ginocchio nel 1927: in questo modo si potevano vedere le gambe mentre si ballava o si camminava nel vento, anche se il modo in cui ballavano, faceva salire qualsiasi tipo di gonna anche se lunga e larga e le gambe si potevano vedre ugualmente. E' una credenza popolare errata che le flappers si arrossassero di proposito le ginocchia. Anche i tacchi alti cominciarono a diventare popolari a quell'epoca: raggiungevano i 5-8 cm)

Lingerie

Flappers gettarono via i bustini ed i mutandoni lunghi, e li sostituirono con mutandine più comode. Senza i vecchi bustini, indossavano semplici corpetti morbidi, che tenessero fermo il petto mentre ballavano. Indossavano anche dei nuoi e più morbidi corsetti che raggiungevano i fianchi, addolcendo l'intera figura ma rendendola omogenea dalla testa ai piedi, in controtendenza rispetto ai vecci corsetto che strizzavano la vita ed accentuavano il seno e d i fianchi.

Era proprio l'assenza di curve che determinava il look mascolino. Per aggiungere un tocco ancora più mascolino, fu inventato il Symington Side Lacer e divenne presto un reggiseno indipensabile da indossare ogni giorno. Questo tipo di reggiseno, era fatto per tirare verso l'interno ed appiattire il petto. Le altre donne invidiavano le flappers per il loro seno piatto e molte acquistarono il  Symington Side Lacer per imitare il loro look; i seni grossi erano di solito considerati come un segno di volgarità. Così, il seno piatto divenne attraente per le donne.

Capelli ed accessori

French actress Polaire in 1899

I tagli da ragazzo erano molto di moda, soprattutto il  Bob cut, l'Eton crop,e lo Shingle bob. il Finger Waving (le onde) erano un ulteriore tocco di stile. I cappelli erano molto usati e gli stili più in voga erano il Newsboy cap e la Cloche.

I gioielli di solito erano pezzi art deco. Andavano molto di moda innumerevoli strati di collane di vario tip. Spille, anelli e pettinini si usavano molto, insieme agli occhiali con montatura di corno.

Cosmetici

Fina dal 1980 l'attrice francese Polaire diede vita ad un look che includeva capelli corti e spettinati, una bocca molto enfatizzata ed occhi enormi enfatizzati pesantemente dal mascara. L'evoluzione del look flapper richiedeva un trucco pesante, paragonato a quello che all'epoca veniva considerato accettabile al di fuori dell'uso professionale nei teatri. Le Flappers indossavano rossetto a prova di bacio. Con l'invenzione del contenitore di metallo per rossetti e degli specchietti da borsa, il look "labbra piene" non si poteva evitare. Occhi scuri, sottolineati dalla matita Kohl, erano la regola. Il Fard venne di moda, poichè non era più così difficile come un tempo da applicare.

All'inizio la pelle pallida venne considerata più attraente. Comunque anche la pelle abbronzata divenne popolare dopo che Coco Chanel sfoggiò un'abbronzatura dopo una vacanza al sole - suggeriva una vita di piacere, sena il bisogno oneroso di lavorare. Tutte volevano apparire in forma, sportive, e, soprattutto, sane.

Libere da abiti opprimenti, da stringhe che impedivano di respirare e da tutte le piccole restrizioni fisiche, cominciarono a desiderare un altro tipo di libertà: La nuova libertà di camminare e respirare, le incoraggiò ad uscire di casa e le flapper ne approfittarono pienamente.Le flappers furono una manifestazione estrema del cambiamento nello stile di vita delle donne americane, reso visibile attraverso l'abbigliamento.

I cambiamenti nella moda erano un segnalo di più profondi cambiamenti negli ideali femminili americani. La gonna corta ed i capelli a caschetto, venivano usato soprattutto come simboli di emancipazione.I più evidenti segnalo di una rivoluzione morale furono. Il sesso prima del matrimonio, il controllo delle nascite, il bere e il disprezzo per i vechi valori. Prima della guerra, una donna non poteva mettere piede in unsaloon; dopo entrava neglispeakeasy così come se fosse andata in stazione a prendere il treno. Le donne iniziarono a bestemmiare ed a fumare, ad usare contraccettivi ed ad accorciare le gonne sopra le ginocchia, mentre facevano scendere le calze... Le donne erano ora in competizione con gli uomini nel modo del lavoro e per ottenere indipendenza finanziaria ma, soprattutto, ogni tipo di indipendenza dall'uomo.

La Nuova Donna spingeva i confini dell'identità sessuale oltre ogni limite, il che rappresentava libertà in tutti i sensi. Si tagliava i capelli corto e indossava abiti larghi e corti. Non più costretta in vite strizzate e gonne lunghe da trascinarsi dietro e dal bisogno dell'aiuto di un uomo ad ogni occasione, la donna moderna degli anni 20 era un pensatore indipendente, che non seguiva più gli ordini di chi stava davanto a lei. La flapper è l'epitome della concezione prevalente di quello che erano le donne ed il loro ruolo nei ruggenti anni 20. L'ideale della flapper era il movimento caratterizzato da intensità, energia e volubilità. Rifiutava il codice morale tradizionale. La Modestia, la castità, la moralità, ed i concetti tradizionali di uomo e donna stavano diventando invisibili. La Flapper provocava l'autorità ed era attaccata perchè era la causa dell'immoralità del paese.

La concezione di sessualità dell'america vittoriana e gli altri ruoli di uomini e donne bella società erano sottoposti a sfide continue.Gli abiti moderni erano più leggeri e flessibilie, stavano meglio alla donna moderna.Anzichè mantenersi occupata con il bisogno di apparire decorosa, la flapper voleva essere vestita in maniera adatta a praticare sport attivi. Le donne syavano diventano più assertive.

Fine dell'era delle Flapper

Nonostante la sua popolarità, lo stile di vita ed il look della flapper, non potè sopravvivere al crollo di Wall Street ed alla successiva Grande Depressione. L'atteggiamento sopra le righe e l'edonismo a tutti i costi, non avevano più posto nel baratro economico degli anni 30.

The Flappers: who were they?
Flapper, charleston, roaring 20s

2011-06-17 04:04:27



In Eventi